3924 visitatori in 24 ore
 201 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



luciano

Luciano Capaldo

Ogni anno rivedo la mia biografia perché auspico che qualcosa cambi! Ho 61 anni e prego perché l'uomo rinsavisca! Non credo nell'impraticabile bigotto concetto di fratellanza a tutti i costi, troppo missionario, però adoro prodigarmi in qualsivoglia modo. Conoscere la gente, la gente povera, il ... (continua)


La sua poesia preferita:
Dopo di noi
Nella disabilità vita ...quella vera,
nel dolore - la famiglia
ridotta fino allo sfiancamento
ma, amore e cuore di genitori
donano gioia e sorriso
vincono mentre sui loro volti
vecchiaia già soggiunge
in giovane età.
Rinunce e schemi di...  leggi...

Nell'albo d'oro:
La pesantezza del vuoto
Mi sto abituando al vuoto
eppure un senso di pesantezza
mi fiacca la schiena
smorza le forze.

Quando credi di aver dato tutto
d’esserti perfino ammalato
in assoluto... mai risparmiato,
t’accorgi che invece non hai fatto... niente!

Non hai più...  leggi...

A poetar d’amore
A poetar d’amore no, non son capace!
Un senso pratico mi conduce,
convinto sono che il tempo lo riduca
lasciando solo, e non è poco, rispetto e stima
che fa di ogni ora trascorsa insieme la vera rima
di quella lunga strofa che poi è la vita.

Nella...  leggi...

Ringrazio
Ancor pochi dì
e torneranno puntuali,
come le rondini,
a danzar mélange
le foglie dell’autunno.

Suadenti danze
inebrianti piroette,
planare e poi poggiarsi
sul cuor poeta
d’un passante osservatore
d’una vita alla soglia
del gelido...  leggi...

Il mio cancro!
Vorrei ... farvi toccare
il dolore,
la durezza della pietra
l’illividirsi in volto
come per un cappio
alla gola, la rabbia
sfogare in quel bruxismo
agghiacciante,
accompagnato dal continuo moto
d’arti inferiori ondeggianti
sotto un...  leggi...

Rughe
Ma perché preoccuparsi;
le rughe agli occhi son la mia memoria.
sono la strada che seguono le mie lacrime
lacrime sempre...  leggi...

Ginocchia sbucciate
eh lontani ormai quei tempi, quando
strade giocosamente impegnavamo
a tirar calci ad un pallone,
oggi, auto e vittime a...  leggi...

Amore eterno
E così,
ti presenti a me,
scaldi freddamente
un cuore,
tiepido appena.

Scemo, ai tuoi occhi
mi dipingo improvviso istrione,
di un momento;
solo mio!

Vorresti allora riattizzare amore
poterlo offrire ancora ... ma,
ha già cambiato sua...  leggi...

Quello che sei per me
Odore di resina ...balsamica
mentre procedo
sul marciapiede ricoperto
da aghi di abete
ammucchiati e vicini
come tanti...  leggi...

In ricordo
Dolente nei miei pensieri,
mi rinvii al sapido sapore
di quella leggiadra schiuma rosa
che rilascia il mar del tuo...  leggi...

Luciano Capaldo

Luciano Capaldo
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Dopo di noi (25/02/2016)

La prima poesia pubblicata:
 
Rughe (30/07/2015)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Ero un integrato (26/06/2018)

Luciano Capaldo vi consiglia:
 Rughe (30/07/2015)
 Quello che sei per me (11/08/2015)
 La pelle... nera (04/09/2015)
 E allora scioglimi! (06/09/2015)
 Ottobre (20/10/2015)

La poesia più letta:
 
Quello che sei per me (11/08/2015, 3645 letture)

Luciano Capaldo ha 10 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Luciano Capaldo!

Leggi i 4077 commenti di Luciano Capaldo


Leggi i racconti di Luciano Capaldo


Autore del giorno
 il giorno 10/02/2018
 il giorno 25/11/2016
 il giorno 15/11/2016
 il giorno 02/11/2016
 il giorno 18/07/2016

Autore della settimana
 settimana dal 29/05/2017 al 04/06/2017.
 settimana dal 27/06/2016 al 03/07/2016.
 settimana dal 31/08/2015 al 06/09/2015.

Luciano Capaldo
ti consiglia questi autori:
Antonella Garzonio
 Anna Di Principe
 carla composto

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Luciano Capaldo? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Luciano Capaldo in rete:
Invia un messaggio privato a Luciano Capaldo.


Luciano Capaldo pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Così è (se vi pare)

"Così è (se vi pare)" è incentrata su un tema molto caro a Luigi Pirandello: l'inconoscibilità del reale, di (leggi...)
€ 0,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Luciano Capaldo

Dopo di noi Sociale
Nella disabilità vita ...quella vera,
nel dolore - la famiglia
ridotta fino allo sfiancamento
ma, amore e cuore di genitori
donano gioia e sorriso
vincono mentre sui loro volti
vecchiaia già soggiunge
in giovane età.
Rinunce e schemi di vita
condizionata per solo amore,
mezze crescite o scomposte
di bambini sfortunati
uomini già per il vissuto.
Occhi che anelano
carezze e pace infondono
...e accettazione,
di fronte occhi che rotolano
su lacrime infinite in cerca di
pur minima spiegazione
rivolta al Divino Amore
o ad indifferente e spesso
rea, violenta società.
E’ noto il presente
ma, già la carrozzina è più grande
peli segnano le guance
e gli occhi son pesanti,
le mamme ed i papà
sempre attivi, imbiancati stremati,
mentre fuori sordo un mondo,
politicanti ignavi improvvisati
fermo nomenclatore al secolo scorso
mentre malattia spietata incalza.
Nella anzianità degl’angeli custodi
incombe poi la morte,
soggiunge, e, per quegli sfortunati
or nasce peggior condizione;
orfani di genitori
e dello stato.
Chi verrà “ dopo di noi”


Luciano Capaldo 25/02/2016 11:38| 15| 2100 1820|


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Rosita Bottigliero - carla composto - Donato Leo - Sara Acireale - Anna Di Principe - Maria Antonietta Calabrese - Alberto De Matteis - Giovanni Ghione
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«**Il parlar del “dopo di noi” non vorrei offrisse alla società pretesto per continuare a non occuparsi delle persone con disabilità gravissime che hanno una famiglia né di coloro che si prendono cura di loro. Potrebbe creare soluzioni segreganti.****
“Simona Lancioni”
»


 

I commenti dei lettori alla poesia:

smiley il ciclo della vita che segue il corso della nostra umanità..il dopo silenzioso, oscuro... speriamo illuminato dalla saggezza di tanti e non distruggere tutto. Versi e tematica che lasciano riflettere.... bravissimo. (Rosita Bottigliero)

smiley La vita assume vero significato quando abbraccia la sofferenza. Con questa bella poesia il poeta ci invita a riflettere e ad essere solidali e amorevoli con i più sfortunati. Complimenti Luciano, grande sensibilità. (Claretta)

smiley Dramma del "chi verrà dopo di noi" che per la famiglia del disabile è più distruttivo del dramma della malattia stessa. Complimenti all'autore che ha evidenziato i n maniera così lucida e cruda il dramma nel dramma. (Paolo sergio)

Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Poesia di forte impatto che tratta un argomento scomodo per molti in una società che, al di là delle parole, non sa dare risposta concreta alle famiglie che debbono sostenere il peso di malattie gravi con le conseguenze che esse portano dietro, armati solo del loro amore e della loro tenacia, ai genitori che angosciati si chiedono cosa accadrà ai loro figli quando non ci saranno più loro a sostenerli e ad accudirli. Una società che si sta dimostrando ampiamente non solo impreparata ma feroce ed insensibile nei confronti dei soggetti più deboli (la cronaca ce ne dà notizia quotidianamente)»
nemesiel (25/02/2016) Modifica questo commento

«Difficile non rimanere colpiti da simile verità – il domani è un punto interrogativo e sarà sempre più difficoltoso gestire nel tempo – minuti, ore, se ne vanno lasciando segni indelebili in chi affronta tali esperienze.»
Club ScrivereBerta Biagini (25/02/2016) Modifica questo commento

«I miei complimenti siano anche un particolare ringraziamento al poeta che come sempre ha trovato il coraggio d'affrontare e così sensibilizzare tematiche particolarmente toccanti che non possono non lasciare, come ora al sottoscritto, un retrogusto amaro nel leggerle. Tali atroci sofferenze cui debbono sottostare famiglie sempre più numerose per convivere anche con altre malattie (Parkinson, Alzheimer, Sla ...) fanno sì da rendere forse quasi indifferenti gli stati d'ansia e calamità cui va incontro il lettore di questa lirica ... forse fino al punto talebda considerare i propri, pur se anch'essi a sul tempo funestati da tragedie e disavventure, oggi quasi neanche più degni d'esser condivisi!»
Ettore Salamena (25/02/2016) Modifica questo commento

«Profonda domanda posta da un autore abile nello sviscerare argomenti sensibili porgendoli ai lettori che inevitabilmente sono indotti ad una riflessione. Purtroppo non c'è ancora una risposta ad un problema di esistenza tanto delicato da parte della società,tante parole tanta comprensione apparente ma poca concretezza nei fatti. Ciò che rimane alla fine è solamente il segno dell'amore disinteressato della famiglia che si è sforzata di rendere la vita meno diversa a chi era destinato a viverla proprio nella Diversità.»
Club Scrivererita iacobone (25/02/2016) Modifica questo commento

«Un lavoro complesso che affonda in problematiche che sento molto e con tutta la loro drammaticità. Il poeta ci induce a una riflessione profonda, perché intervenire o fare qualcosa è indispensabile. Il mio elogio per aver trattato una tematica con grande padronanza. Complimenti al poeta.»
Club ScriverePagu (25/02/2016) Modifica questo commento

«Il mio elogio al poeta, che in pochi versi ha saputo renderci partecipi di una tematica fortemente sociale: il curare i disabili, mentre sono in vita e poi? Quando i cari affetti verranno a mancare che succederà? Chi si prenderà cura di questi disabili?
Un problema sociale profondo. affrontato dal poeta, che con questi suoi versi ha saputo affontare un enorme problema di vita... Complimenti!!!
Complimenti!»
Clelia Maria Parente (25/02/2016) Modifica questo commento

«Ferma e spietata denuncia di una realtà ignorata dai poteri forti, quelli che dovrebbero essere garanti di un vivere umano, giusto. Ma non è cosi e la visione che ci regala questa poesia è quella squallida e reale. Complimenti al poeta che oltre alla sua bravura dimostra ancora una volta una grandissima sensibilità.»
stello cutroneo (25/02/2016) Modifica questo commento

«Argomento di grande spessore e molto attuale, quello esposto da questi versi forti, taglienti e acuti. Il problema della disabilità è tuttora risolto a costo di enormi sacrifici e rinunce dalle famiglie, nella quasi totale assenza delle istituzioni. Giustamente il bravo Poeta si domanda quando i genitori non ci saranno più quale sarà la vita di queste sfortunate persone. Lirica intensa e toccante che non lascia indifferente il lettore. Il mio elogio sincero.»
Giuseppe Gallo (25/02/2016) Modifica questo commento

«Non abbiamo uno Stato sensibile e accorto a dare sostegno ai giovani diversamente abili o non autonomi per svariati incidenti ...il tutto è demandato a case di "cura" o case famiglia i cui operatori non sono certamente preparati per entrare in empatia con queste persone deboli che non possono nemmeno difendersi (gli ultimi fatti di cronaca fanno rabbrividire).Ovviamente le famiglie ricche non hanno il problema del "dopo di noi "...Valente e sensibile il Poeta che ha versificato un tema particolarmente sentito dal momento che sarebbe necessaria un'organizzazione con strutture ed operatori capaci, di cui si potrebbero avvalere tutti . Un elogio sentito all'autore per il tema trattato.»
Club ScrivereAnna Di Principe (25/02/2016) Modifica questo commento

«Pesante questa lirica che affonda il coltello profondamente... la società sempre più anziana destinata è alla propria scomparsa in poche generazioni... giuste le domande... e dopo?
Bella tematica... da approfondire.»
Club Scriverezani carlo (25/02/2016) Modifica questo commento

«C'è una assenza gigantesca su queste questioni sociali soprattutto dove manca la possibilità di gestire da se' il dramma che hanno. Il poeta s'interroga poi affermando: e dopo?
Una lirica sociale attualissima e ben scritta.»
Umberto De Vita (25/02/2016) Modifica questo commento

«Dopo di noi, una bella domanda, che spesso non si riesce a dare una risposta esauriente.
In questi ultimi anni assistiamo ai maltrattamenti ai danni di persone disabili, da parte di chi ha
il compito di assicurare una vita dignitosa. Un tema sociale che il valente poeta, ha esposto con grande dovizia.»
Club ScrivereDonato Leo (25/02/2016) Modifica questo commento

«Conosco due genitori che si crucciano perché alla loro morte dovranno lasciare il figlio disabile in balia di se stesso... La società è indifferente, le istituzioni inesistenti. Per le famiglie ricche, il problema è dimezzato perché esistono dei buoni istituti che dietro un LAUTO compenso si prendono cura dei minorati psichici ma per i meno abbienti è un dramma. In un paese civile non dovrebbe essere così, la società dovrebbe farsi carico delle persone più deboli, anche con interventi domiciliari perché ci sono persone che non riescono ad adempiere a operazioni semplici come fare la spesa, cucinare, pagare le bollette ecc... Non si può lasciarli da soli. È una vergogna»
Club ScrivereSara Acireale (25/02/2016) Modifica questo commento

«purtroppo le istituzioni sono assenti in tanti casi dove i genitori avrebbero un estremo bisogno d'aiuto materiale, portare avanti croci grosse come quella di un figlio o parente disabile comporta uno sforzo enorme... bravo il poeta che in righe di bella poesia ci parla di un tema sociale grande ...il mio elogio»
Club Scriverecarla composto (25/02/2016) Modifica questo commento

«"Chi verrà dopo di noi?" Riparto da qui, una domanda che è un'incognita in questo nostro mondo al caos che non riesce a provvedere a chi ne ha tanto bisogno essendo disabile e che non riesce a dare sollievo a due poveri genitori sfiancati da anni ed anni di fatiche nel seguire la malattia del figlio. Ma l'assillo è chi si occuperà di lui dopo di noi? Dovrebbero essere le istituzioni a sopperire
a queste grandi mancanze. Una lirica d'impatto sociale per il contenuto di grande valenza. Complimenti!»
Grazia Denaro (25/02/2016) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:

smiley Complimenti Autore del giorno (Alberto De Matteis)


Avviso
Autore in stand-by Non è possibile inserire messaggi in bacheca perché l'autore si è posto in stato di stand-by.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Selezione per pubblicare un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN gratuito? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici? Sottoponetelo alla nostra selezione. (Scadenza di questa offerta: 30 giugno)
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Sociale
23 Novembre 1980
No tinc por
Empatia
Per le strade periferiche di Romania
Ladro di biciclette
C’è paura... nelle strade!
Un leggio
Nonostante tutto
5 secondi
L’ottavo vizio!
I fedeli sorrisi dei fanciulli
Una donna stende il bucato nel silenzio
Nessuno
Dopo di noi
Senza ritorno
Ginocchia sbucciate
Chissà!
La pelle... nera

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2016
Regalami il tuo sorriso... sempre! Poesia a tema libero

Luciano Capaldo
 I suoi 2 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Claudia, la nostra Claudia (24/08/2015)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Una laurea in giurisprudenza, mah! (27/08/2015)

Il racconto più letto:
 
Claudia, la nostra Claudia (24/08/2015, 609 letture)




Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it